UN VARIEGATO PORTFOLIO ARCHITETTONICO ESEMPLIFICA L’ESPERIENZA GENERAZIONALE DELLO STUDIO ZACUTTI

A descrizione delle dinamiche operative, l’architetto Giorgio Zacutti rivela l’impiego di ogni strumento utile alla realizzazione dei desideri dei committenti.

L’unicità di un’opera architettonica scaturisce dall’addizione di elementi sinergici. Legare in armonia le strutture che la terra e il tempo hanno conservato a quelle che la nostra creatività è in grado di portare in vita, è l’impegno che trasforma un professionista in un grande architetto. Dai progetti di costruzioni ex novo a quelli di ristrutturazione, dall’ideazione di unità

abitativo-residenziali alla strutturazione di nuovi spazi commerciali fino alla messa in opera di magnifici insediamenti turistici e alberghieri, lo studio di architettura coordinato dall’architetto Giorgio Zacutti, docente di storia dell’architettura a La Sapienza di Roma, respinge la specializzazione selettiva per una passione che sposa l’essenza dello spazio, che sia da formare o disseppellire.

squillace architettura vllaggio vacanze

L’iter progettuale di un’opera di costruzione architettonica deve evolversi con lo scopo di non contrastare l’ambiente che andrà a ospitarla – afferma l’architetto Zacutti – sia per quel che riguarda la conformazione del terreno che per le strutture preesistenti. L’architetto deve saper tradurre i desideri del committente, essere il suo braccio e, in parte, la sua mente.”

Non condivido la scelta di edifici modulari e standardizzati proprio perchè non riflettono la diversità delle persone e le loro differenti esigenze”.

Qual è quindi la formula che trasforma una semplice abitazione in una calda “casa dolce casa”?

Nonostante gli elementi di funzionalità e comfort siano molteplici perchè sottoposti al continuo turbinio dell’evoluzione tecnologica, l’architetto Zacutti ha maturato la filosofia secondo la quale “una valida idea legata al panorama architettonico parte dalla collaborazione tra il committente e l’esecutore. Insieme è possibile trovare la soluzione più vicina all’immagine mentale pre-vista. Una casa, ad esempio,ricca di elementi di design e di dettagli estremizzati, di primo acchito può risultare accattivante ma a lungo andare può diventare fredda e poco vivibile. Per fare una casa su misura bisogna innanzitutto prestare ascolto a chi, una volta finita, la renderà viva.

boutique dyana
via bitossi

A guidare la scelta di un architettura piuttosto che un’altra non sono, naturalmente, i soli “sogni” del committente perchè bisogna attenersi ai parametri e alle norme connesse all’ambiente, ai materiali,

alla sicurezza,all’area di costruzione circoscritta. “In ogni caso bisogna confrontarsi sia con il presente che con il passato -asserisce l’architetto Zacutti -perchè anche se i cambiamenti impongono una revisione, nel rinnovare gli spazi occorre lasciare che i dettagli ricordino la precedente struttura. Credo che sia importante  creare un continuum delle caratteristiche precedentemente stanziate all’interno di una struttura architettonica, quindi mantenere viva la memoria storica di una realtà edificata.

per descrivere la pratica attuazione delle teorie dell’architetto Zacutti, risultano esemplari alcune fasi della ristrutturazione di un prestigioso palazzo romano in Prati.

“Lo splendore dei pavimenti – racconta l’architetto – non poteva subire dimensionamenti, piuttosto rivalutazioni. Con la preziosa collaborazione del team di professionisti di cui mi avvalgo, in fase di ristrutturazione, i pavimenti sono stati riproposti e accostati a nuovi tralci di parquet che li incornicia in “tappeti marmorei”.

casa lobuono

I palazzi d’epoca sono solo alcuni dei protagonisti dell’attività dell studio Zacutti. Gli edifici destinati a circuiti commerciali impongono regole strutturali legate alla loro funzionalità con l’utilizzo di ogni possibile spazio perchè ” ottimizzarlo è la chiave di volta per renderlo vivo e vivibile “.

Fonte: Agata Bandini

da Ragionlibera